Indice del forum

L'Ettaro Forum

forum di agricoltura e agromeccanica

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Era un motocoltivatore ora è un trattorino
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Tecnica e Meccanica
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
angelo

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 65
Registrato: 21/08/13 07:06
Messaggi: 22
angelo is offline 

Località: Prov. di Latina
Interessi: Macchine lavorazione legno e metallo-Pc-Autocostruzioni meccaniche varie
Impiego: Falegname-ebanista



italy
MessaggioInviato: 28 Ago 2013 08:01:31    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Sono dell'estremo sud della provincia di Latina, praticamente ai confini con la Campania, comunque sono in perfetta pianura.
Quello della fresa effettivamente potrebbe essere un problema su cui ho riflettuto molto prima di modificarla per adattarla all'attacco a 3 punti in quanto oltre a un aumento del peso vista la nuova conformazione del cofano e l'utilizzo di lamiera da 3 mm di spessore, c'è che per forza di cose mi sono dovuto allontanare dal trattorino di quel tanto che basta per far uso dell'albero cardanico in modo sicuro e certo in per avere sempre in presa 1/3 circa della lunghezza dei profili triangolari scorrevoli. Questo ovviamente aumenta lo sbalzo e quindi l'effetto leva che potrebbe non dico far impennare la macchinina ma causare il galleggiamento delle ruote anteriori, in tal caso potrei zavorrare la parte anteriore. C'è anche da dire comunque che non certo posso andare per strada e che dal garage al campo sono una ventina di metri poi la fresa andrebbe a terra. Quello che invece mi preoccupa di più è l'angolo di inclinazione di tutto l'albero tra la Pdf e l'attacco fresa visto che lo ha molto basso, ora dai mie calcoli, dalla consultazione dei manuali di alcuni costruttori di alberi, etc. dovrei starci per un pelo nei parametri in modo da avere un funzionamento accettabile ed esente da vibrazioni anomale. In questi giorni mi dovrebbero consegnare l'albero e il terzo punto così potro verificare e valutare la funzionalità di tutto l'ambaradan, se le cose non mi convinceranno vorrà dire che sarò costretto a modificare la fresa e ad approntare un attacco a 2 punti che era ed è la soluzione ottimale per questa fresa visto che era quella del motocoltivatore, d'altra parte neanche potevo acquistare una fresetta nuova e spendere credo un migliaio di euro per effettuare al max 25 ore di fresatura all'anno. Vorrà dire che l'attacco a 3 punti lo userò per gli altri attrezzi e un piatto tagliaerba che metterò in cantiere per questo inverno. A giorni ci toglieremo il dubbio, ovviamente se qualcuno ha qualche idea e/o suggerimento sono ben accetti.

@Piozzo: A una mini paletta frontale ci avevo già pensato e per questo ho predisposto nella parte ventrale del ponte 8 fori con dado da 12 saldato all'interno per ancorarci un tubolare da cui far partire poi una parte dell'incastellatura.

Questi sono dei trattorini americani dalla "spaventosa" potenza di appena 8/10 HP Mr. Green

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: 28 Ago 2013 08:01:31    Oggetto: Adv






Torna in cima
Alessio

Esperto
Esperto


co-Admin

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 37
Registrato: 19/08/12 17:45
Messaggi: 1531
Alessio is offline 

Località: Verona





italy
MessaggioInviato: 28 Ago 2013 20:40:26    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Rimango stupito sempre di più ad ogni tuo messaggio,Angelo,riesci a trasmettere tutta la passione e la minuziosità con cui hai realizzato la tua creatura,complimenti.

Ecco appunto adesso aggiungici la pala cosi hai lavoro per i prossimi sei mesi minimo!

_________________
CERCO rimorchio da 50 o 60q. Contattatemi via mp.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
purin

Esperto
Esperto


Iscritti



Registrato: 12/11/12 08:50
Messaggi: 1856
purin is offline 







italy
MessaggioInviato: 28 Ago 2013 22:48:55    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

aspettiamo le prove in campo per cancellare il mio dubbio sul galleggiamento allora


ciao

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Skype
angelo

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 65
Registrato: 21/08/13 07:06
Messaggi: 22
angelo is offline 

Località: Prov. di Latina
Interessi: Macchine lavorazione legno e metallo-Pc-Autocostruzioni meccaniche varie
Impiego: Falegname-ebanista



italy
MessaggioInviato: 29 Ago 2013 07:18:48    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Direi che è possibile farsi un'idea abbastanza precisa del carico anche senza portarlo sul terreno e cioè:
- Attacco la fresa, misuro l'altezza da terra al paraurti e me la segno, alzo la fresa e ricontrollo l'altezza sempre allo stesso punto, ho una ventina di pezzi di piatto in ferro tutti dello stesso peso e forma (derivanti da un attrezzo da palestra e che potrei usare come eventuale zavorratura anteriore..) da 5 Kg ognuno e inizio a caricarli sulla parte mediana della fresa e vado avanti fino a che controllando la famigerata misura e facendo girare il volante non noto che le gomme anteriori perdono aderenza sul pavimento, a quel punto e in relazione al peso aggiuntivo caricato posso trarre le conclusioni del caso. Se il risultato è soddisfacente posso montare l'albero cardanico e procedere alla verica dello sfilo alzando e abbassando il sollevatore e ad effettuare eventuale taglio dei tubi visto che l'ho ordinato di 100 mm più lungo della misura stimata.
Il procedimento di cui sopra, carico dei pesi sulla fresa, penso sia attendibile in quanto ho il terreno praticamente in piano nei 2 sensi e il peso del conducente cioè il mio per questi fini è quasi ininfluente in quanto vista la posizione del sedile va ad incidere sul punto di fulcro. Se dico delle inesattezze... corregetemi.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
purin

Esperto
Esperto


Iscritti



Registrato: 12/11/12 08:50
Messaggi: 1856
purin is offline 







italy
MessaggioInviato: 29 Ago 2013 22:04:49    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

quello che intendo dire io (magari mi sono spiegato male) è che il problema potrebbe essere (speriamo di no9 non tanto il bilanciamento che si può correggere con delle zavorre ed eventualmente un controtelaio di rinforzo, ma piuttosto il fatto che le ruote non garantiscono una buona portanza su terreno lavorato.

poco male, nel caso credo tu non abbia grandi problemi a trovare altre due ruote uguali a quelle posteriori e a realizzare i ganci per una gemellatura..


ciao

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Skype
angelo

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 65
Registrato: 21/08/13 07:06
Messaggi: 22
angelo is offline 

Località: Prov. di Latina
Interessi: Macchine lavorazione legno e metallo-Pc-Autocostruzioni meccaniche varie
Impiego: Falegname-ebanista



italy
MessaggioInviato: 30 Ago 2013 06:51:41    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

In parole povere tu intendi dire che essendo queste ruote strette, (sono le sue e cioè le 5.00/15) tenderebbero ad affondare sul terreno lavorato, pertanto sarebbe/è necessario montare un paio di ruote più larghe oppure gemellare le ruote.
L'idea di affiancare altre 2 ruote e considerando il tutto non è che mi piaccia più di tanto ritenendola forse eccessiva ma posso mettermi alla ricerca di un paio di ruote, usate possibilmente ma in buone condizioni, da 6.5/80-15 che poi è la misura che la Valpadana montava sui trattorini snodati derivanti da questo motocoltivatore negli anni 70/80 e precisamente il mod. 4RM180 e il 4RM260. Per le anteriori direi che vanno bene le 4.00/10, la Ferrari sempre negli anni 70 aveva in produzione un trattorino a 2 RM e precisamente il mod. T72, che montava questa misura.

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


PS: Cosa intendi precisamente per controtelaio di rinforzo?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
purin

Esperto
Esperto


Iscritti



Registrato: 12/11/12 08:50
Messaggi: 1856
purin is offline 







italy
MessaggioInviato: 20 Set 2013 15:18:39    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Come procedono i lavori? Hai finito la fresa?


ciao

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Skype
angelo

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 65
Registrato: 21/08/13 07:06
Messaggi: 22
angelo is offline 

Località: Prov. di Latina
Interessi: Macchine lavorazione legno e metallo-Pc-Autocostruzioni meccaniche varie
Impiego: Falegname-ebanista



italy
MessaggioInviato: 20 Set 2013 20:14:29    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La fresa, dopo una leggera modifica agli attacchi, è stata terminata e provata da un paio di settimane. Non posso lamentarmi nel complesso se si considera che essendo del motocoltivatore ha la scatola degli ingranaggi che praticamente striscia a terra seppur protetta da un coltello e che comunque crea qualche vibrazione di troppo fino a che non si interra. Nonostante la distanza non certo canonica dalla Pdf in fase di sollevamento, peraltro abbastanza veloce e per questo credo che monterò un riduttore di flusso, il trattorino non si impenna neanche aggiungendo un'altra ottantina di chili sul cofano fresa, tuttavia avevo notato che a volte lo sterzo sembrava eccessivamente leggiero in particolar modo nei raggi di sterzata stretti con fresa alzata. Ho fatto un attacco anteriore smontabile a cui ho aggiunto 45 chili di zavorra costituita da piastre in ferro da 5 kg ognuna, la stabilità è migliorata notevolmente.
E' stato terminato anche un attacco porta attrezzi, al momento dispongo di un aratrino e di un assolcatore ovviamente anche essi modificati per la bisogna.
Ora mi sto occupando dell'avviamento elettrico tramite dinamotore, a suo tempo ho tornito una puleggia di 200 mm di diametro, ho già montato un alzavalvola sul coperchio delle punterie e mi sono procurato alcuni componenti tipo un paio di pomelli di start e stop, un regolatore di tensione, un teleruttore, un quadro luci e clacson, un blocco di avviamento a 3 pos. con chiave, quache spia, etc. Domani monto alcuni componenti di carpenteria e poi devo passare all'impianto vero e proprio, dispongo di uno schema di massima ma certamente incontrerò delle difficoltà nel decifrare alcuni dei numeri a fianco dei piedini dei quadri... arrivo fin dove posso arrivare, se non ce la faccio a completare dovrò per forza di cose ricorrere a un elettrauto.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Piozzo

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 03/01/13 20:33
Messaggi: 469
Piozzo is offline 

Località: Maremma
Interessi: Agricoltura
Impiego: Impiegato



italy
MessaggioInviato: 20 Set 2013 20:32:37    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ciao, ancora complimenti! Se puoi, che ne dici di un bel video del trattorino all'opera?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
angelo

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 65
Registrato: 21/08/13 07:06
Messaggi: 22
angelo is offline 

Località: Prov. di Latina
Interessi: Macchine lavorazione legno e metallo-Pc-Autocostruzioni meccaniche varie
Impiego: Falegname-ebanista



italy
MessaggioInviato: 21 Set 2013 06:14:47    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Quando lo avrò terminato non mancherò.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
angelo

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 65
Registrato: 21/08/13 07:06
Messaggi: 22
angelo is offline 

Località: Prov. di Latina
Interessi: Macchine lavorazione legno e metallo-Pc-Autocostruzioni meccaniche varie
Impiego: Falegname-ebanista



italy
MessaggioInviato: 05 Nov 2013 07:40:00    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Aggiornamento... dopo aver atteso per settimane visto che il terreno era fangoso causa piogge, ho voluto provare a vedere se sto trattorino riusciva a tirare un aratrino da motocoltivatore. Premetto che in precedenza avevo provveduto allo sfalcio dell'erba che era alta e sul terreno era quindi presente questa paglista, aggiungo anche che ho cercato di registrare al meglio l'aratro.

-Prima prova... ho dovuto rimuovere il coltro perchè sta paglia ci si fermava davanti e impediva l'affossamento dell'aratro, la situazione è migliorata leggermente ma il terreno stentava a staccarsi dal versoio e difficilmente riuscivo a mantenere la stessa profondità con frequenti impuntamenti e conseguente slittamento delle ruote.

-Ho lasciato passare qualche altro giorno e nel frattempo ho modificato l'aratro saldando sulla suola un piccolo coltro ottenuto da un pezzo di balestra e l'ho dotato di una ruotina registrabile fissata sul bure. Altra prova e tutto pareva andare per il meglio ma... altri impuntamenti risolvibili in parte con la registrazione dell'aratro e che tuttavia provocavano inevitabilmente lo slittamento di una o entrambe le ruote, anche bloccando il differenziale slittavano e tentavano ad affondare.
Sono giunto quindi alla conclusione che dovrei aumentare la presa e la trazione delle ruote se voglio fare qualche aratura sporadica altrimenti ci devo rinunciare.
Io avrei individuato 2-3 sistemi, secondo la vostra esperienza è preferibile:

1) zavorrare le ruote posteriori con un peso di una trentina di chili per ruota.

2) aggiungere alle ruote altre 2 ruote a gabbia e se si come e in che modo.

3) sostituire del tutto le attuali ruote con delle ruote a gabbia (che peraltro mi dovrò realizzare) più larghe e aggiungere anche delle zavorre o se ne può fare a meno.

- Non vorrei, adottando le ruote a gabbia più eventuali zavorre, macellare i semiassi di questo trattorino visto che ovviamente non erano nati per un uso gravoso.
Grazie per le eventuali risposte e/o suggerimenti.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Alessio

Esperto
Esperto


co-Admin

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 37
Registrato: 19/08/12 17:45
Messaggi: 1531
Alessio is offline 

Località: Verona





italy
MessaggioInviato: 05 Nov 2013 11:40:43    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Innanzi tutto verifica che l'aratro lavori bene e e sia ben regolato,una ruota di profondità ti aiuta sicuramente in queste occasioni hai fatto benissimo a metterla.

Poi se cè molta erba anche se trinciata non credo che tu faccia molta profondità e anche poca fetta quindi è quasi normale che tu abbia degli impunatamenti dovuti ai residui dell'erba,potresti sempre provare su qualche metro a pulire dalla erba trinciata per vedere cosa succede.

Non metterei nè gabbia nè gemelle piuttosto valuterei una zavorratura partendo con una ventina di chili per lato,non vorrei mai cedesse 60 kg su una macchinina cosi mi paiono troppi.

_________________
CERCO rimorchio da 50 o 60q. Contattatemi via mp.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Piozzo

Appassionato
Appassionato


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio

Registrato: 03/01/13 20:33
Messaggi: 469
Piozzo is offline 

Località: Maremma
Interessi: Agricoltura
Impiego: Impiegato



italy
MessaggioInviato: 05 Nov 2013 13:09:04    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Si, credo che i consigli di Alessio siano piu' che giusti. Ciao
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
purin

Esperto
Esperto


Iscritti



Registrato: 12/11/12 08:50
Messaggi: 1856
purin is offline 







italy
MessaggioInviato: 05 Nov 2013 18:55:07    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

ciao angelo, secondo me parte del problema è nell'aratro che si fa tirare un po' troppo (se lo tira un motocoltivatore il tuo trattorino che è più pesante non dovrebbe aver problemi), quindi quoto alessio per il discorso erba, regolazioni e varie.

Non sono tanto favorevole ad un'ulteriore zavorratura, mi spiego meglio: il cambio non è dimensionato per lavori al traino, o perlomeno è dimensionato per un dato peso, se continui a zavorrare invece di slittare rischi di sovraccaricare la trasmissione.

Se decidi di montare qualche piccola zavorra io ti consiglio di montarla sulle ruote posteriori, eviti così di stressare il telaio, volendo potresti riempire le ruote con acqua, una soluzione semplice ed economica.

Se io fossi in te, proverei a trovare una regolazione dell'aratro che permetta di lavorare più "fluido", bloccaggio del differenziale sempre innestato, quando il trattore tende a slittare e fermarsi un piccolo impulso ad alzare il sollevatore e subito riportarlo alla stessa posizione.



Se invece decidessi di realizzare delle ruote modificate per avere maggior aderenza, ti sconsiglierei i ramponi (tipo quelli che si usavano in risaia sopra alle gomme) ma di realizzarti delle ruote in ferro con delle lame ampie che permettano di aggrappare bene al terreno, possibilmente di diametro ridotto rispetto alle ruote che monti (per ridurre la coppia sulla trasmissione).




ciao

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Skype
angelo

Apprendista
Apprendista


Iscritti

Sesso: Sesso:Maschio
Età: 65
Registrato: 21/08/13 07:06
Messaggi: 22
angelo is offline 

Località: Prov. di Latina
Interessi: Macchine lavorazione legno e metallo-Pc-Autocostruzioni meccaniche varie
Impiego: Falegname-ebanista



italy
MessaggioInviato: 06 Nov 2013 07:49:22    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ringrazio per le risposte, a questo punto direi che oltre a provare con una regolazione ottimale del piccolo aratro per quanto possibile, vedrò di recuperare un paio di ruote più larghe che poi erano anche di serie e cioè le 6.00-12 al posto delle 5.00-15 attuali, anche queste di serie comunque. Al limite posso provare anche a zavorrare con pesi modesti le ruote posteriori, il cambio non dovrebbe risentirne più di tanto in quanto è lo stesso che all'epoca la Valpadana montava sui trattorini snodati da 18 e 26 HP.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Tecnica e Meccanica Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 2 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





L'Ettaro Forum topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008